Skip to main content

Elezioni comunali e gioco: come può cambiare il panorama?

Tracciato un punto ai ballottaggi delle elezioni comunali, possiamo effettuare una panoramica sulla situazione politica italiana e vedere come questa potrebbe impattare sul settore gioco.

Lo facciamo prendendo come fonte di riferimento un articolo redatto dalla rivista di settore Gioconews, che contiene anche dichiarazioni e informazioni raccolte in prima persona.

Il primo cambiamento registrato dai colleghi infatti è quello di Sara Funaro (centro-sinistra), nuova prima cittadina di Firenze che ha ricordato la sua partecipazione in alcune iniziative prese nella consiliatura precedente come assessora al welfare.

Il pensiero di Funaro auspica a costruire un Osservatorio comunale che collabori con servizi sanitari e forze dell’ordine per rafforzare le misure di contrasto verso l’azzardopatia e abusi di altro genere. 

Si aggiunge la proposta di investire i proventi delle ammende comminate ai gestori in sensibilizzazione, educazione e ulteriore rafforzamento della difesa della salute dei cittadini e dei disagi sociali che colpiscono gli azzardopatici. Tutto questo, ricorda, nell’attesa che il Governo si impegni nella regolamentazione ulteriore delle sale fisiche.

Passando a Bari, Vito Leccese (centro-sinistra) punta a continuare l’opera del predecessore Decaro in maniera innovativa. Nel programma elettorale, nonostante non si menzioni direttamente il gioco, si dichiara pronto a investire verso la legalità e antimafia sociale “stringendo nuove alleanze con il tessuto civile, culturale e sociale della città”.

A Perugia arriva la prima sindaca, Vittoria Ferdinandi (centro-sinistra), cavaliere al merito della Repubblica per la promozione di pratiche di autonomia e di inclusione sociale per i malati psichiatrici. È evidente come questo riconduce all’attenzione per le dipendenze patologiche, e teoricamente quindi estendersi con un occhio di riguardo alla protezione e sensibilizzazione nei confronti dei giocatori. 

Terza “prima sindaca” della lista a Campobasso, Marialuisa Forte, che porta il centro-sinistra in vantaggio con poco meno del 51%. Anche lei si dichiara interessata a rafforzare i progetti già esistenti per prevenire le dipendenze patologiche.

Vincenzo Telesca (centro-sinistra) vince a Potenza, e si dichiara determinato a dare la priorità alla promozione della cultura della legalità, e alla protezione di anziani e persone vulnerabili. Gioconews ricorda la votazione sospesa per il regolamento sul gioco con vincita in denaro, saltata per mancanza di numero legale.

A Lecce vince il centro-destra con Adriana Poli, già sindaca della città oltre che ex parlamentare. Se nel corso degli ultimi 12 anni il parere non è cambiato, ricordiamo la sua richiesta del 2012 di eliminare gli spot sul gioco d’azzardo (ben prima del Decreto Dignità), ma nello stesso periodo firmò un disegno di legge per promuovere il rilancio del settore ippica.

Nel totale, il centro-sinistra ha conquistato 17 capoluoghi di provincia, lasciandone 10 al centro-destra. Non compaiono altre dichiarazioni o riflessioni in materia di gioco d’azzardo.

Articoli popolari

Dati gioco maggio 2024: boom casinò e scommesse online

Come creare un comparatore bonus per un Tipster

Come guadagnare con le affiliazioni Casinò Online

Il miglior network di affiliazione in Italia per iGaming

Perché la SEO è importante per il tuo iGaming Business?

Lavora con Deally e guadagna una commissione per ogni iscritto che porti

Ti offriamo i migliori deal Casinò, Scommesse Sportive e Poker, di oltre 30 operatori di Gioco Legale.

Per iniziare non è richiesto nessun investimento iniziale e puoi lavorare da dove vuoi.

INIZIA ORA, SCRIVI ALL'AFFILIATE MANAGER!
Hai già lavorato in questo settore?*
Obbligatorio per continuare*
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?